C’è chi passa con il rosso e chi no

Scatta il semaforo verde all’incrocio e il pedone attraversa la strada sulle strisce pedonali, ma un’auto sopraggiunge incurante del rosso: pochi istanti ed è il dramma. Il pedone viene colpito e sbalzato per aria. Eppure stava regolarmente attraversando la strada con il verde.

Il mancato rispetto di una regola fondamentale come questa, che dovrebbe invece garantire tutti gli utenti della strada, pedoni, ciclisti e automobilisti, provoca ogni anno la morte o il grave ferimento di persone (dati ISTAT: 3385 morti e 257.421 feriti nel 2013).

Il programma elettorale di Rivalta Sostenibile prevedeva interventi migliorativi per la sicurezza delle strade del nostro paese: i semafori Vista Red installati a fine agosto 2014 in via Einaudi/strada del Dojrone e in via Giaveno/via Piossasco rientrano proprio nell’azione amministrativa promessa durante la campagna elettorale e si affianca alle molte iniziative già attuate tra le quali: la nuova rotonda di via Einaudi/via Rivoli, messa in sicurezza passaggi pedonali in via Rivoli, in via Mellano, ciclabile in via Piossasco fra piazza Cervi e il ponte sul Sangone, nuovi incroci rialzati in via Pascoli e in via Leopardi a Pasta, attraversamenti pedonali illuminati dalle nuove “lame di luce” in via Giaveno di fronte alla chiesa e in via I Maggio.

Alcuni dati: da agosto a dicembre 2014 sono state circa 2000 le infrazioni, per il 75% (circa 1500) commesse da non residenti che si trovano ad attraversare il nostro paese. Gli introiti derivanti dalle sanzioni sono utilizzati per realizzare opere di manutenzione e di miglioramento della sicurezza delle nostre strade a favore di tutti i rivaltesi.

Spiace molto leggere quanto ha scritto il Partito Democratico nell’ultimo numero del suo giornalino: “…Senza dimenticare l’installazione dei semafori T-Red, che servono solo per fare cassa e non certo per mettere in sicurezza gli incroci”.

Probabilmente il PD ritiene che sia meglio non disturbare gli automobilisti che mettono a repentaglio le vite degli altri. Noi invece riteniamo che gli automobilisti corretti e rispettosi delle regole del Codice della Strada non debbano avere nessuna multa da temere. Chi non rispetta le regole in qualche modo deve essere sanzionato e avvisato della pericolosità del suo comportamento.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.