Negozi a Km 0: il Mercatino del Riuso

Mobiletto in buono stato ma che non voglio più vedere in casa? Vestiti di due taglie fa che è un peccato buttare ma proprio non mi vanno più? Devo arredare casa e voglio risparmiare? Signore e signori, rivolgetevi al “Mercatino del Riuso” di Rivalta.

Nato qualche anno fa sotto il patrocinio del Comune di Rivalta e dell’inarrestabile Don Paolo, che da sempre a Tetti Francesi “ospita” nel magazzino della parrocchia quanto le famiglie decidono di scartare, il mercatino è gestito da ormai 3 anni da Mariella con l’aiuto di Tiziana e Monica.

“La nostra è una filosofia di vita -spiega Mariella: risparmio e recupero. Nel nostro magazzino arrivano mobili praticamente nuovi, vestiti, quadri, oggetti di uso quotidiano e moltissimi giocattoli. Il mercatino è nato con l’obiettivo di rimettere sul mercato beni che hanno ancora un valore, dando allo stesso tempo la possibilità di sostentamento per chi ci lavora. Qualche tempo fa eravamo presenti al mercato di Tetti Francesi, ma  abbiamo smesso per mancanza di sostegno. Per il momento apriamo il sabato mattina in via Toti a Gerbole.

Adesso, però, insieme all’amministrazione comunale e alla Banca del Tempo che ci ha “adottate”, stiamo proponendo un progetto alla Fondazione San Paolo per ottenere dei voucher con cui retribuire 3 persone. Così potremo aprire il magazzino 3 volte alla settimana, da gennaio ad aprile. Cerchiamo, tra l’altro, un locale più grande, con possibilità di parcheggio e facilmente accessibile al pubblico: la mia idea – continua Mariella – sarebbe quella di creare un centro di scambio, dove le persone possano aggirarsi tra gli oggetti ed allo stesso tempo bersi un tè, partecipare a dei laboratori di sartoria piuttosto che di riparazione dei mobili, e magari portare i bambini a giocare con questa infinità di giocattoli inutilizzati.

Un luogo sul territorio rivaltese, che sia centro d’ incontro, scambio e aggregazione.”

Mariella un concentrato di entusiasmo, coraggio e perseveranza.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.