Marinari, con Appendino e De Magistris, in prima linea contro il TAV

La Camera dei Deputati sospenda la ratifica del trattato italo-francese sul Tav. E’ la richiesta contenuta in una lettera inviata a metà dicembre da un gruppo di amministratori locali, tra cui il sindaco di  Rivalta, Mauro Marinari, il sindaco di Torino, Chiara Appendino, e il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, alla presidente Laura Boldrini, al premier Paolo Gentiloni, al ministro delle infrastrutture Graziano Del Rio e a tutti i deputati.

Il Parlamento – si legge nella lettera – sta discutendo la ratifica dell’accordo tra Italia e Francia per la costruzione di una nuova linea ferroviaria tra Torino e Lione che comporterà un finanziamento di 2,9 miliardi di euro per la parte italiana. Si sono più volte evidenziati i dubbi, le critiche e i costi di questa nuova infrastruttura soprattutto alla luce dei gravi problemi che travolgono il nostro Paese: i terremoti hanno causato danni enormi e dovremo affrontare la ricostruzione dei paesi distrutti e l’avvio finalmente di un piano di prevenzione; le scuole, gli edifici pubblici, il patrimonio monumentale e le case devono essere messe in sicurezza; le alluvioni e i dissesti idrogeologici hanno messo in crisi intere Regioni; le ferrovie e il trasporto pubblico locale, specie nel Sud Italia, hanno mostrato tutti i loro limiti in quanto a sicurezza ed efficienza del servizio; molte grandi aree industriali e molte discariche devono essere bonificate e riconvertite; l’inquinamento dell’aria di molte aree metropolitane sta superando i limiti di guardia“.

Per gli amministratori, “la soluzione di queste emergenze richiederà un fortissimo impegno da parte di Stato, Regioni e Comuni oltre che enormi investimenti. Per le ragioni esposte si ritiene necessaria e urgente una riflessione sulle effettive priorità di questo Paese e questa tratta di Tav non rientrare tra quelle irrinunciabili. Chiediamo al presidente del Consiglio e al Ministro alle Infrastrutture – concludono i sindaci – un incontro per esporre nei dettagli queste esigenze che riteniamo essere condivise da molte Amministrazioni del territorio a livello nazionale. Chiediamo alla Camera dei Deputati di sospendere la ratifica del trattato al fine di esaminare le questioni esposte, le loro priorità, le fonti di finanziamento e i tempi di realizzazione“.

Marinari ancora una volta in prima linea contro il TAV, opera che devasterà pesantemente il territorio di Rivalta.

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.