Approvata! Evviva!!

Ieri a tarda sera il Consiglio Comunale ha votato all’unanimità a favore della mozione. Diventano realtà le proposte per aiutare il piccolo commercio e la ristorazione a Rivalta. Proposte che arrivano anche grazie ad confronto nel quale è stato possibile raccogliere idee e osservazioni da alcuni operatori.

💪 Nei tempi difficili che viviamo, pensiamo sia una bella cosa! Oggi l’importante è portare contributi utili alla vita della comunità, indipendentemente da chi li abbia presentati.
Ricordiamo gli impegni concreti per le attività del piccolo commercio e della ristorazione presenti sul territorio comunale:

❌ azzerare i tributi (pubblicità, suolo pubblico, rifiuti) per il periodo di quarantena

🏁 liberare, riorganizzare spazi pubblici per consentire lo svolgimento di attività commerciali e di ristorazione all’aperto, azzerando contestualmente la tassa del suolo pubblico fino alla fine dell’emergenza sanitaria

🤝coinvolgere commercianti, cittadini, associazioni, uffici comunali e sanitari, perché possano studiare insieme e condividere, zona per zona, soluzioni pratiche per ampliare gli spazi pubblici
Oltre alle azioni immediate sui tributi, con l’ultimo punto si mette in moto da subito un percorso fondamentale:

📌 entro le prossime 2 settimane dovrà essere costituito un tavolo di lavoro con gli uffici competenti, i referenti della sanità, gli operatori del piccolo commercio e della ristorazione, i cittadini residenti e utenti, le associazioni.
E cosa dovrà fare questo tavolo? Molte cose:

⛱️ individuare le aree pubbliche che possono essere destinate ad ampliare all’esterno le attività di ristorazione, vendita o anche solo di accoglienza agli utenti in coda

⚙️ studiare quali interventi tecnici e amministrativi siano necessari

🌡️ valutare come garantire il rispetto delle misure di sicurezza sanitaria

🎼 provare ad attivare sinergie tra le attività commerciali e le iniziative di socialità sul territorio

Ma la cosa più importante è che questi ragionamenti potranno essere svolti insieme da tutti i soggetti interessati, raccogliendo le diverse opportunità ed esigenze.
Insomma, mettiamoci al lavoro. Anche perché abbiamo un sacco di lavoro da fare ora 🙂 Noi siamo pronti.