Asilo nido comunale.Il servizio pronto a un appalto esterno

Le ultime educatrici dipendenti pubbliche dell’Asilo del Sangone vanno in pensione (sincera gratitudine a loro per aver contribuito alla crescita di tanti giovani rivaltesi e sinceri auguri per il loro futuro!). L’Amministrazione ha però scelto di esternalizzare il servizio con un appalto di cui alla Delibera di Giunta n.23/2021 consultabile dall’Albo Pretorio del sito comunale.

Premesso che sarà nostra cura chiedere tutte le informazioni e i chiarimenti necessari a fare luce su questa scelta e in merito vi terremo aggiornati. Non possiamo che esprimere il nostro disappunto. Di seguito i principali elementi:

– La gestione diretta dei nidi comunali è sempre stata un fiore all’occhiello del nostro Comune, indubbiamente dovuto a personale particolarmente preparato, attento e disponibile.

– La scelta della prima esternalizzazione del Nido di Pasta si collocava in un momento storico in cui le assunzioni nel pubblico impiego erano bloccate per legge. Ora sono invece consentite, visto il successivo sblocco delle assunzioni previsto nella legge di Bilancio. Questo poteva essere il giusto momento per ripristinare la gestione diretta anche per il Nido di Pasta.

– Ultimo, ma non meno importante, spiace rilevare come l’Amministrazione non valuti, in un momento storico come il nostro, l’importanza di offrire lavoro continuativo e adeguatamente retribuito. Il personale impiegato tramite realtà esterne ha infatti tra le retribuzioni più basse e, visto le gare d’appalto, non ha garanzie di continuità lavorativa.

Se le Amministrazioni scelgono la via del risparmio sul costo del lavoro e di non dare garanzie occupazionali, come pensiamo che i nostri giovani possano rendersi indipendenti, costruirsi un futuro e mettere su famiglia?